Archivi per la categoria: Avviso

Sabato 5 maggio a Roma alle 9.30 alla Città dell’Altra Economia si terrà l’Assemblea Nazionale dei Lavoratori indipendenti.

Siamo lavoratrici e lavoratori della conoscenza, dello spettacolo, della cultura e della comunicazione, della formazione e della ricerca, autonomi e precari del terziario avanzato. Lavoriamo con la partita IVA, i contratti di collaborazione, in regime di diritto d’autore, con le borse di studio, nelle forme della microimpresa e dell’economia collaborativa. Siamo cervelli in lotta, non in fuga, ovunque ci troviamo. Ci occupiamo di cura della persona, della tutela del patrimonio artistico. Ogni giorno produciamo beni comuni intangibili e necessari: intelligenza, relazioni, benessere sociale.

Leggi, sottoscrivi l’Appello contro il ddl Fornero e per una nuova idea di lavoro e welfare e partecipa.

Annunci

 a cura di Valentina Fulginiti

Occupata la Borsa Valori a Milano

Riprendiamo dal sito di informazione Zero In Condotta (qui il comunicato originale) una notizia sulla protesta di Unione Sindacale di Base e collettivi di precari, che hanno occupato la Borsa di Milano oggi 5 settembre, in preparazione allo sciopero generale previsto per domani.

Milano / Occupata Piazza Affari

05 settembre 2011 – 13:55

Attivisti dell’Unione Sindacale di Base e dei collettivi dei precari hanno occupato la Borsa valori di Milano.

Vogliamo la cancellazione del debito che affligge il nostro paese e l’Europa intera: basta con le politiche del pareggio di bilancio, che impongono ai ceti subalterni enormi e oramai improponibili sacrifici.

I nostri conti sono già in rosso grazie a chi attraverso la crisi ha speculato. Non intendiamo pagare nessuna manovra e non vogliamo manovre correttive né tantomeno contromanovre targate da sigle sindacali o partiti di maggioranza o opposizione.

L’occupazione della piazza continuerà con un fitto programma di eventi ed iniziative e la notte verrà passata nelle tende. Non mancheranno grigliate, musica e vino e ci raggiungeranno attori e musicisti milanesi, aspettando lo sciopero generale di domani e la manifestazione che a Milano partirà da Largo Cairoli, dove si vuole organizzare un’assemblea pubblica anche per delineare le prossime iniziative.

Usb

Una diretta dei fatti si può seguire qui, sulla Web TV de “Il corriere della Sera”

La Rete della Conoscenza verso il 6 settembre

Sulle pagine di Micromega,  la Rete della Conoscenza (un network animato da Unione degli Studenti e Link-Coordinamento universitario) aderisce alla giornata di mobilitazione promossa dalla CGIL, parlando di un “nuovo autunno caldo” e sottolineando la coincidenza di crisi economica  e crisi democratica: «Mentre i crolli della borsa e le scelte politiche di tutt’Europa vedono come unico obiettivo il pareggio di bilancio e la rassicurazione dei ‘mercati’, a pagare la crisi sono ancora i soggetti sociali deboli.». Qui, sul sito di Micromega, si può leggere l’intero comunicato.

La mobilitazione dei lavoratori sbarca a Venezia

La mobilitazione contagia anche i lavoratori dello spettacolo e dell’industria cinematografica, approdando alla prestigiosa sede della 68° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica – Festival di Venezia. Qui, oltre all’appoggio di singole personalità, la mobilitazione ha potuto contare sul sostegno di artisti come Ugo Gregoretti e Citto Maselli, presidenti dell’iniziativa “Le giornate degli autori”, mentre Ottavia Piccolo ha prestato la sua voce all’appello di Susanna Camusso. Ulteriori notizie disponibili sul sito della stessa CGIL. I tempi delle “torri d’avorio” sono davvero finiti, a quanto pare.

Contro gli sprechi, contro le grandi opere, per la spesa sociale

Anche il movimento NOTAV aderisce, dal proprio punto di vista, alla giornata di lotta del 6 settembre per reclamare le ragioni di un’economia attente ai diritti e ai bisogni della cittadinanza, e non tesa a garantire i profitti di pochi. I soldi per la TAV , si legge nel comunicato, «vengono rubati ad altri investimenti di assoluta necessità: sanità (-200 milioni di € nel 2011 in Piemonte), scuola (-54 classi superiori e – 700 insegnanti elementari in Piemonte), pensioni (-5 miliardi di € previsti nel paese per il biennio 2012/2013) , difesa del territorio (azzerato il fondo per il dissesto idrogeologico per cui è stato aumentato il costo delle accise sulla benzina), cultura».. Il comunicato di adesione è riportato da Infoaut, ed è leggibile qui.

Ci stanno facendo la festa…

Segnaliamo infine i materiali visivi proposti dalla Campagna NON+, che già aveva fatto parlare di sé nei mesi scorsi per la sua pubblicità shock, tesa a promuovere consapevolezza rispetto alle condizioni di sfruttamento imposte a precari, stagisti e altri anelli deboli della catena lavorativa. NON+ si rivolge all’appuntamento di domani sottolineando la discrepanza tra una classe parassitaria, che continua a godere di privilegi necessari, e la classe dei lavoratori cui si impongono i “sacrifici necessari” e cui si chiede, dietro pretesto di un inesistente risparmio, di rinunciare alla propria storia. Il 6 settembre si scenderà in piazza anche per riaffermare il diritto alla lotta, e per ricordare che 25 aprile e 1 maggio non si toccano.

*Premessa*
In questi giorni la Val di Susa sta vivendo momenti di tensione che
ricordano quelli dell’autunno 2005 quando fu usata la
forza per imporre l’apertura di un cantiere in vista della realizzazione
del TAV Torino-Lione. Da allora nessun cantiere è
stato aperto ma le promesse di governi di diverso colore di aprire un
dialogo e un confronto con le istituzioni locali si sono
dimostrate un inganno e le amministrazioni democraticamente elette,
critiche sulla realizzazione della grande opera, non
sono state riconosciute dal governo quali interlocutori affidabili e
sono state estromesse dai tavoli di confronto.

Decine di migliaia di persone chiedono semplicemente di essere
ascoltate, chiedono un confronto vero, pretendono che
alle loro ragioni – scientificamente documentate – si risponda entrando
nel merito. In cambio ricevono insulti e l’accusa di
voler difendere il loro piccolo cortile, di volersi opporre al
progresso, di non rispettare le regole: slogan e accuse infondate
in risposta ad argomenti seri, a pratiche di protesta pacifica,
all’utilizzo rigoroso di ogni spazio previsto da leggi e
procedure.

L’opposizione al TAV Torino-Lione è diventata in questi anni un esempio
di partecipazione democratica dal basso, di
democrazia vera, di resistenza all’illegalità ed al sopruso in difesa
dei beni comuni: un’opposizione popolare che può
contare sul sostegno della comunità montana e di ben 24 consigli comunali.
Viceversa il governo e le potenti lobby che governano l’economia e la
finanza, con l’appoggio di partiti di maggioranza e
minoranza, non hanno esitato a stravolgere procedure, infrangere leggi e
ingannare l’Unione Europea pur di assicurarsi
un grande business da cui anche la grande criminalità organizzata e le
mafie contano di trarre profitto. Hanno scatenato
una grande campagna mediatica per nascondere le dimensioni e le ragioni
dell’opposizione, per screditare il movimento
notav presentandolo come covo di estremisti e sovversivi: la
criminalizzazione del dissenso è un’arma micidiale a cui
ricorre solo chi disprezza il confronto democratico e le regole condivise.

Oggi, fallito ogni tentativo di comprare il consenso e la benevolenza di
cittadini e sindaci, il governo sta preparando una
nuova prova di forza: il Prefetto assicura che “sarà il Questore a
decidere tempi e modi” per installare il primo cantiere. E
mentre la campagna di disinformazione si intensifica rispuntano le
intimidazioni mafiose e le provocazioni che si ripetono
puntuali dal 2005 ad oggi, dagli incendi dolosi dei presidi notav alle
buste con le pallottole. In nessun caso indagini serie
hanno portato a individuare i responsabili, ogni volta il movimento
notav ha denunciato la natura mafiosa di tali gesti, ha
riaffermato e rivendicato con orgoglio il carattere pacifico della
propria lotta, ha invitato a cercare esecutori e mandanti tra
chi ha interesse ad avviare i cantieri.

Se questo è il quadro non possiamo rimanere indifferenti, non possiamo
rimanere in silenzio e ci rivolgiamo a singoli
cittadini, associazioni, sindacati, movimenti, esponenti del mondo della
cultura affinché si uniscano a noi in questo
appello.

*Appello per la democrazia e il rispetto della legalità in Val di Susa*

Come singoli cittadini, associazioni, sindacati, movimenti, esponenti
del mondo della cultura:
. rifiutiamo l’idea che la realizzazione di una grande opera possa
ridursi ad un problema di ordine pubblico
. condanniamo senza riserve l’invito ad usare la forza e a militarizzare
il territorio lanciato nei giorni scorsi da
rappresentanti del popolo eletti in Parlamento, da alcuni partiti e da
alcune associazioni di imprenditori
. denunciamo il disprezzo delle più elementari regole della democrazia e
pretendiamo dal governo il rispetto della
legalità, il rispetto dei diritti dei cittadini, il rispetto nei
confronti della amministrazioni locali democraticamente
elette
. respingiamo il ricatto e le strumentalizzazioni secondo cui chi si
oppone al TAV non difende il lavoro: al contrario
la realizzazione di questa grande opera inutile penalizzerebbe
pesantemente le economie locali in cambio di
pochi posti di lavorio precario e privo di tutele e di diritti, mentre
un diverso utilizzo delle risorse pubbliche
creerebbe numerose opportunità di nuova occupazione
. le ragioni di chi si oppone a questa grande opera inutile, devastante,
che sottrarrebbe enormi risorse economiche
ai servizi pubblici di tutto il paese sono le nostra ragioni: non ci
rassegniamo all’idea che il nostro futuro possa
essere deciso da quell’intreccio perverso tra politica, affari e
criminalità organizzata che governa ampie aree del
nostro paese e inquina la nostra società.

Il nostro riferimento continua ad essere la Costituzione, quella
Costituzione nata dalla Resistenza e oggi troppo spesso
violentata. Per queste ragioni esprimiamo la nostra solidarietà alla
resistenza notav e ci impegniamo a sostenerla
concretamente. Invitiamo a diffondere questo appello e a raccogliere
nuove adesioni (per aderire: www.notavtorino.org)

Torino, 7 Giugno 2011