[Nel dibattito sulla Rete, così come si sta configurando in questi mesi, si registrano ormai in maniera compiuta le implicazioni che l’avvento dei social media hanno determinato nelle pratiche comunicative e sociali rese possibili dai protocolli 2.0. Tali analisi prendono atto del carattere appropriativo che i social media esercitano rispetto ad alcune dimensioni dell’esperienza umana: in particolare quella del tempo. Infatti, la strategia che impronta l’azione e le scelte delle corporation che controllano il mercato della comunicazione sociale pare sempre più orientata a mettere a profitto ogni aspetto dell’esperienza dei propri utenti. Per chi come noi si occupa di mediattivismo si tratta di riflessioni cruciali, poiché mettono in questione alcuni dei principi su cui questa pratica pareva essere fondata. Nel momento in cui appare evidente che l’attivismo mediale esercitato on-line è una pratica che produce un valore di cui si è sostanzialmente espropriati emerge con forza la natura conflittuale dei rapporti tra utenti della Rete e coloro che, mettendo a disposizione protocolli comunicativi e sociali, realizzano un profitto. L’intervento che proponiamo di seguito ha il merito di non arrestarsi a quella che ormai è, a tutti gli effetti, una “ricognizione dell’ovvio” per proporre una possibile soluzione.]

 

Autori, lettori e valore del lavoro intellettuale nella società della conoscenza: una modesta proposta

di Mario Rotta

(Intervento publicato su mrxKnowledge)

Questa modesta proposta deve molto a una serie di letture e di riferimenti che citerò e ad alcuni episodi (anche spiacevoli) che ho personalmente affrontato. Si tratta di dare una risposta (sia pure ipotetica, provvisoria, parziale…) a una domanda che ci si pone da diverso tempo ma che soprattutto negli ultimi anni – ad esempio da quando si è cominciato a parlare sistematicamente di social networking, di eBook e di distribuzione aperta dei contenuti in rete – sta diventando sempre più pressante: come si può riconsiderare e ridefinire il valore del lavoro intellettuale nella società della conoscenza? Provo subito a circoscrivere l’ambito del ragionamento. Non parlerò di copyright o di licenze di distribuzione, su cui è già stato detto, scritto e fatto moltissimo, e su cui rimando volentieri al bel contributo su “La conoscenza come bene comune” curato da Paolo Ferri per Bruno Mondadori. Parlerò invece del valore di ciò che ciascuno di noi elabora e distribuisce in rete, del lavoro che implica e di come si potrebbe riconoscerlo e valorizzarlo.

Mi vengono subito in mente un paio di letture e riferimenti. La prima lettura è un vecchio testo di Max Weber, che un secolo fa spiegava già molto lucidamente che l’attività intellettuale è una professione a tutti gli effetti e in quanto tale dovrebbe garantire a chi la svolge un guadagno, tipicamente attraverso forme di pagamento diretto o indiretto dei prodotti di quell’attività da parte di chi ne usufruisce. Oggi sembrano affermazioni scontate, e per di più superate. Ma a suo tempo non erano banali: era ancora diffusa una certa visione romantica della cultura come qualcosa di etereo, che non può sporcarsi con del “vile” denaro. Eppure (ecco un secondo riferimento che mi viene in mente) l’argomento era e restò attuale per molto tempo, tanto che nel 1960 Ted Nelson ne recupera, per così dire, il framework di base tra i presupposti stessi del progetto Xanadu. Un’idea semplice e geniale, che immaginava una rete di persone che svolgono un lavoro intellettuale (ad esempio scrivono un articolo) utilizzando il lavoro intellettuale di altre persone in modo trasparente e riconoscendo alla fonte un guadagno. Proprio così, basta rileggere le 17 regole originarie del progetto per capire che questi aspetti, il valore del lavoro intellettuale e il suo riconoscimento materiale, sono parte integrante di quella splendida utopia. Poi sappiamo com’è andata, le reti sono diventate a poco a poco una realtà, certe dinamiche allora soltanto anticipate sono diventate prassi. Ma ancora stiamo discutendo del trust level del web semantico; e del valore della conoscenza. Tra posizioni estreme che vanno dalla difesa del meccanismo obsoleto del copyright da parte di molti editori che non hanno capito che non si può applicare ai prodotti immateriali (ad esempio un eBook) la stessa logica che ha regolato per decenni la distribuzione di oggetti fisici (ad esempio i libri), all’idea affascinante ma distorta che la conoscenza sia e debba essere sempre e comunque gratuita, confondendo forse la gratuità con l’accessibilità.

In realtà, dovremmo ragionare sul fatto che dietro ogni frammento della rete, dietro ogni nota su FaceBook, dietro ogni ricerca condivisa, dietro ogni post di ogni blog, dietro ogni pagina di ogni wiki, dietro ogni articolo, o serie di slides, o registrazione, o eBook, c’è del lavoro intellettuale. Che in quanto tale ha, o dovrebbe avere un valore. Perché allora chi ha svolto quel lavoro di solito non ci guadagna nulla? La risposta consiste quasi sempre nel ribadire il principio essenziale di equità che ispira la filosofia della condivisione peer-to-peer : nella società della conoscenza ciascuno condivide risorse proprie per poter utilizzare risorse condivise da altri, attivando e mantenendo un’ipotetico circuito virtuoso di scambi in grado di imprimere alla conoscenza in quanto tale una spinta incrementale. D’accordo, tutto molto bello: ma siamo proprio sicuri che funzioni così? A me il meccanismo reale sembra molto più asimmetrico (e qui entrano in gioco anche varie vicende personali): quante volte vi è capitato di constatare che la vostra partecipazione a un network implicava un impegno molto superiore a quello di altri partecipanti teoricamente (e talora anche formalmente) alla pari? E quante volte avete avuto la spiacevole sensazione che i materiali che avevate correttamente diffuso in rete in licenza CC erano stati scaricati e utilizzati anche in contesti dove chi li utilizzava otteneva un vantaggio diretto o indiretto grazie al vostro lavoro, mentre voi non avreste ottenuto mai nulla da quegli stessi utilizzatori? Qualcosa non funziona in questa configurazione aprioristicamente aperta e ostinatamente ottimistica, probabilmente perché un conto è considerare le potenzialità latenti di tutti gli utenti della rete come ipotesi per uno scenario ideale, un conto è ammettere che nella realtà gli utenti non sono tutti uguali, non si ispirano agli stessi principi e non condividono di fatto i doveri che l’interagire in un contesto sociale (quale è la rete) ed esercitare in quello stesso contesto dei diritti ragionevolmente imporrebbe. Inoltre, bisogna ammettere che per quanto si possa riconoscere che il lavoro intellettuale che si svolge in rete implica e rappresenta un valore, non si sa bene come calcolarlo e quantificarlo.

Ed è proprio qui che si colloca il senso di questa mia modesta proposta. Mi ispiro in parte alle “banche del tempo”, in parte alle transazioni virtuali di ambienti come Second Life. Per suggerire un’ipotesi non certo innovativa ma spero concreta, e soprattutto organica. Propongo che si fondino e si gestiscano delle “banche della conoscenza“, che potrebbero anche rappresentare l’evoluzione del ruolo degli editori nella società della rete. Come funziona una “banca della conoscenza”? E cosa implica per gli autori e gli utenti? Le transazioni in denaro non c’entrano nulla. E nemmeno la gestione di prodotti e servizi, o gli ambienti di sharing a cui talora si associa il termine “knowledge bank“. Piuttosto, dovrebbe consistere in una sorta di infrastruttura di garanzia. Io me l’immagino così:

  • Tutti gli utenti hanno un “conto” in una banca della conoscenza. Il conto iniziale è uguale a zero.
  • Ogni utente attribuisce un valore a ciò che elabora e decide di condividere in rete. Il valore attribuito potrebbe essere calcolato sulla base del lavoro richiesto dall’elaborazione che si sta condividendo: se ad esempio, per pubblicare un post su un blog sono state necessarie 3 ore di lavoro, si potrebbe attribuire al post pubblicato un valore pari a 3.
  • Ogni volta che un altro utente utilizza quel post (scaricandolo, stampandolo, citandolo o semplicemente mostrandolo e commentandolo in un contesto) il valore corrispondente (ad esempio 3) viene addebitato sul conto dell’utente/lettore e accreditato sul conto dell’utente/autore. Col tempo gli utenti/autori più utilizzati vedranno il proprio conto crescere, gli utenti/lettori che utilizzano più risorse ma non ne producono o non ne condividono risulteranno debitori. Su questa base si potrebbe anche calcolare il valore delle interazioni, o il valore delle risorse, nonché la “reputazione” degli utenti.
  • Ogni utente può utilizzare gli eventuali crediti accumulati per acquisire risorse prodotte e distribuite da altri. Per quanto riguarda i debiti contratti, al contrario, si potrebbe anche pensare ad una loro periodica riconversione in denaro reale, da ridistribuire tra gli utenti creditori: in questo modo gli utilizzatori che non producono e non distribuiscono risorse diventerebbero una forma indiretta di sostegno economico agli utenti che interpretano meglio lo spirito della rete, e questo potrebbe rappresentare per gli uni uno stimolo a collaborare all’elaborazione e alla distribuzione di nuove conoscenze, per gli altri un incentivo alla qualità e un premio al lavoro svolto. Chi gestisce la “banca della conoscenza” potrebbe anche ricavare un guadagno da queste transazioni.
  • Nulla vieta di esplorare altre forme e modalità di conversione dei crediti maturati, così come dei debiti accumulati. In ogni caso, in attesa di nuove ipotesi di calcolo e riconoscimento del valore del lavoro intellettuale, si avrebbero dei parametri di riferimento utili per identificare e riconoscere la “ricchezza” reale in rete, ovvero la capacità degli utenti di utilizzare in modo trasparente delle risorse e delle conoscenze per costruire e distribuire altre risorse e altre conoscenze.

Certo, gestire una “banca della conoscenza” non si prospetta nè semplice nè immediatamente redditizio. A meno che ad altri non vengano idee migliori, che possano contribuire a perfezionare questa ipotesi di lavoro. Ad esempio, leggendo alcuni commenti al link a questo post su FaceBook, mi viene in mente che forse, per agevolare l’avvio di un processo di questo genere, si potrebbe o si dovrebbe lavorare sui metadata delle risorse (ovvero affiancare la ricerca già in atto, quella orientata al web semantico), prevedendo un campo “valore” il cui contenuto possa essere letto, utilizzato come riferimento, calcolato e recuperato a cura delle banche della conoscenza. Ma il problema è come rendere univoco il processo, come gestire ad esempio la scissione iniziale tra contenuti aperti e gratuiti (ovvero senza valore attribuito), contenuti con un valore di scambio funzionale e contenuti protetti e a pagamento…

Sull’argomento segnalo (grazie a un suggerimento di Agostino Quadrino): Grazzini, “L’economia della conoscenza oltre il capitalismo”, Codice Edizioni.

Annunci